Stanchezza autunnale: perché ne soffriamo e come prevenirla

Come recuperare le energie dalla stanchezza autunnale

 

Cos’è la stanchezza autunnale e come affrontarla

Con il cambio di stagione,aspettando i periodi più freddi dell’anno, subiamo tutti, chi più chi meno,gli effetti della stanchezza autunnale. Nella maggior parte dei casi, questa si manifesta sotto forma di letargia diurna, cioè stanchezza e sonnolenza nelle ore diurne alternate a difficoltà ad addormentarsi durante la notte. Anche sensazioni come debolezza, difficoltà di concentrazione e svogliatezza rientrano tra i disagi di questo fenomeno, che colpisce corpo e mente. Inutile dirlo, gli effetti riportati saranno ancora più intensi a ridosso del cambio dell’ora legale e per le donne, durante il ciclo.

Perché ne soffriamo?

Potrebbe risultare riduttivo ma il problema del rientro dall’estate e lo stress della routine quotidiana sono solo un’aggravante alla vera motivazione della stanchezza autunnale: la mancanza di luce solare. È scientificamente provato infatti che la luce solare sia la causa di produzione di ormoni. Il nostro organismo manda infatti segnali al cervello (tramite proteine) per ordinare di bloccare o meno la produzione della melatonina, l’ormone del sonno. Per cui se siamo esposti o meno al sole, il nostro organismo si comporterà di conseguenza.

Come prevenire la stanchezza autunnale in poche semplici mosse

Per rimediare o prevenire gli effetti di questo disagio comune a molte persone, basterà seguire qualche semplice accorgimento. Vediamo insieme alcuni rimedi:

1. Godi del sole il più possibile

Come precedentemente detto, la produzione della vitamina D aiuta il nostro corpo a ritrovare le energie. Dunque, sfrutta ogni situazione per stare all’aperto, godendo del tepore autunnale.

2. Approfitta per uscire e fare sport

Esci in pausa pranzo, nel weekend oppure sfrutta ogni occasione per fare sport all’aperto. Camminate o corse all’aria aperta aiuteranno l’organismo a “risvegliarsi” e stimoleranno il buon umore.

3. Scegli con cura cosa mangiare

L’alimentazione gioca sempre un ruolo chiave e in questo contesto è necessario sconfiggere la stanchezza con cibi leggeri ma energetici. Via libera alla frutta secca (noci, mandorle, semi di zucca ecc.) energizzante e ricca di omega 3.

4. Rafforza il sistema immunitario

I concentrati ed estratti di frutta e verdura sono un’iniezione di benessere con tanti valori nutritivi e in alcuni casi con proprietà immunostimolanti (curcuma e zenzero).

5. Presta attenzione ai ritmi diurni e alle ore di sonno

Se durante la giornata ti senti assonnato e fatichi a restare concentrato, potrebbe aiutarti importi dei ritmi di riposo regolari. Evita quindi di andare a dormire troppo tardi e non consumare sostanze eccitanti (come caffè e thè) che rendono più complicato prendere sonno. Aiutati invece con tisane che conciliano il riposo. Dovrai arrivare a svegliarti presto la mattina e riuscire a riposare abbastanza facilmente la sera.

Spuntini ideali per combattere la stanchezza autunnale

Per combattere la stanchezza autunnale, potrai sbizzarrirti con la fantasia in cucina, sia per unamerenda e sia per arricchire la colazione, ad esempio con uno yogurt, con la frutta fresca o secca. La buona notizia per i più ghiotti, è il cioccolato fondente: salutare per il buon umore e aiuta il “risveglio” dell’organismo!

Non dimentichiamo la zucca: non a caso simbolo autunnale per eccellenza e prezioso riferimento per chi soffre di astenia e stanchezza. Oltre ai semi tostati già citati, la zucca stessa può essere sfruttata in tanti modi: per accompagnare primi, zuppe e perfino dolci!Per ostacolare la stanchezza autunnale sono utili tutti i cibi ricchi di betacarotene, sali minerali e vitamine. A tal proposito, l’integratore Promopharma Xalifom in bustine, con magnesio e potassio, aiuta a riprendere le giuste energie ostacolando la spossatezza. Infine, anche frutta e verdura (meglio se di stagione) saranno sempre la scelta giusta: evita invece i cibi esageratamente grassi o zuccheri raffinati.